Adesione secondaria di compositi su composito. presentazione di un metodo per le prove di trazione


venerdì 1 gennaio 1988

In coll. con: P.D'Attanasio, A.Cerutti, E.Savoldi, E.Dimito, N.Battisti. Stomatologia Lombardo-Veneta 1988; Anno II N 4: 911-915.

L'adesione secondaria dei compositi su composito è un fenomeno chimico-fisico che può essere utilmente sfruttato dall'odontoiatra che si trovi di fronte a fratture parcellari o discolorazioni di ricostruzioni od otturazioni già eseguite da tempo. Esiste ovviamente una variazione della forza di legame tra compositi polimerizzati in sedute diverse se paragonati ad un campione polimerizzato in una unica seduta.

E' interessante quantificare tale variazione e vedere se la differenza dei legami, benché consistente, è compatibile con un uso clinico di simile tecnica. Perciò viene analizzato quello che è già stato analizzato in letteratura, offrendone una rassegna, evidenziando l'interesse generale dimostrato intorno a tale problema e la costante ricerca di trattamenti chimici o fisici atti ad incrementare la forza di adesione.

Gli Autori `presentano infine un loro metodo di sperimentazione descrivendo i particolari costruttivi dei vari campioni ed i presupposti su cui è basata la loro linea di condotta.


Medico Chirurgo Specialista in Odontostomatologia

Email: corsi@sandromarcoli.it

Tel: +39 030 47050

P.IVA e C.F. 02642980987

Resta sempre aggiornato

Ti invieremo notizie riguardo interessanti eventi culturali Endodontico-Conservativi. 

Esprimo il mio consenso al trattamento dei miei dati personali da parte della Sirio Education S.r.l. per le finalità a scopo informativo e promozionale di attività scientifiche di settore svolte sia attraverso mezzi automatizzati (newsletter) che tradizionali (telefonate). 

  • Bianco Facebook Icon
  • Bianco Instagram Icona