Discolorazione dei compositi da coloranti alimentari artificiali


venerdì 1 gennaio 1988

In coll. con: A. Cerutti, S. Pasini, C. Paganelli, V. Rocchetti, A. Cristel. Stomatologia Lombardo Veneta 1988; Anno IT N 3: 52-3-529.

I primi materiali compositi avevano caratteristiche estetiche non ottimali sia dal punto di vista della lucidabilità di superficie che della loro capacità mimetica.

Essi inoltre erano soggetti a discolorazione da captazione di pigmenti e coloranti.

I compositi più recenti hanno raggiunto livelli estetici di assoluto valore sia dal punto di vista dell'indice di riflessione e di rifrazione che per le loro caratteristiche pigmentarie.

Gli AA. si sono proposti di verificare la disponibilità degli attuali compositi alla discolorazione quando cimentati con coloranti alimentari artificiali e con pigmenti naturali alimentari.

Nel presente lavoro riferiscono i dati relativi alla captazione da parte di materiali compositi di pigmenti provenienti da coloranti artificiali presenti in alimenti.

Tutti i compositi messi a contatto con pigmenti mostrano, all'esame spettrofotometrico, picchi di assorbimento alle lunghezze d'onda corrispondenti ai coloranti usati, consentendo altresì di rilevare evidenti discromie ad occhio nudo.

Nei rapporti con i coloranti artificiali tutti i compositi, in qualunque condizione essi si trovino, mostrano una captazione di pigmenti artificiali più di quanto facevano i coloranti naturali.


Medico Chirurgo Specialista in Odontostomatologia

Email: corsi@sandromarcoli.it

Tel: +39 030 47050

P.IVA e C.F. 02642980987

Resta sempre aggiornato

Ti invieremo notizie riguardo interessanti eventi culturali Endodontico-Conservativi. 

Esprimo il mio consenso al trattamento dei miei dati personali da parte della Sirio Education S.r.l. per le finalità a scopo informativo e promozionale di attività scientifiche di settore svolte sia attraverso mezzi automatizzati (newsletter) che tradizionali (telefonate). 

  • Bianco Facebook Icon
  • Bianco Instagram Icona